Added by on 2016-05-18

lettere da lontanocop

Questo programma si chiama così, come una canzone di Enzo Jannacci, per due motivi. Primo perché nasce nel Centro Diurno di Martina Franca, e dal Centro Diurno va fuori, si spinge verso il mondo come se facesse un viaggio lunghissimo per arrivarci e abbracciare tutti. Secondo perché insieme a noi ci sono i ragazzi dell’Associazione Salam, che opera a Martina Franca e a Taranto e che si occupa di accogliere alcune delle centinaia di migranti che ogni mese arrivano sulle nostre coste. L’idea era quella di dare loro l’occasione di poter registrare delle lettere a casa, dal Paese che al momento li ospita. Lettere da lontano, appunto, ma piene di quell’intimità che si sente in famiglia. In questo modo il progetto ha dato a tutti i partecipanti l’occasione di confrontarsi, da vicino, con diverse tipologie di solitudine e allegria, di speranza e di fede, e nonostante le evidenti disparità linguistiche, dando ad ognuno, persino ai più grandicelli, una nuova occasione di crescita verso l’altro. Lettere indirizzate, in un certo senso, al prossimo tuo, e per questo accessibili a chiunque. Da qui la decisione di trasformarle in un programma radio, registrandole e mettendole in rete, condividendo un lavoro semplice all’apparenza, ma frutto di mesi di impegno. Tutte le lettere sono state scritte durante un corso di scrittura autobiografica, tenutosi nel Centro Diurno fra il 2014 e il 2015 e curato da Antonio Lillo. Il programma radio è stato realizzato con l’associazione Tre Ruote Ebbro ed il laboratorio urbano g.Lan  di Locorotondo, Alberobello, Noci.

radiogallery

 

PUNTATA 3

 

Scarica le poesie della puntata

[/note] [note color=”#eeeeee”]

 

Indice:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*